Ultima modifica: 7 Aprile 2019
Istituto Comprensivo II “Rita Levi Montalcini” > 2 aprile: Giornata mondiale della consapevolezza sull’autismo

2 aprile: Giornata mondiale della consapevolezza sull’autismo

Anche quest’anno il nostro Istituto ha promosso diverse iniziative in occasione della Giornata mondiale per la consapevolezza sull’autismo.

I bambini della scuola dell’infanzia “Penati” hanno realizzato due cartelloni intitolati:   “Sorridi e imparerai come farti capire da me”. Gli sfondi sono stati colorati con il pastello a cera blu, colore simbolo dell’autismo, mentre con delle coccarde e degli smile i bambini hanno creato un fiore ed un cuore, con piegatura di fogli azzurri a forma di ventaglio e faccine gialle sorridenti.

autismomoro1

 

 

Il blu è intorno e dentro di noi!

“SORRIDI E IMPARERAI  COME FARTI CAPIRE DA ME!”

La scuola Aldo Moro si è tinta di blu….di tante forme e coccarde blu, celesti, azzurre che sono state realizzate dagli alunni di tutte le classi.

Hanno preso magicamente forma fiori, cuori, omini festosi e sorrisi…come quelli di tutti i nostri bambini. “Ognuno di noi è un bambino speciale, può dare e ricevere dai propri compagni, affinché la giornata sia serena, produttiva, aperta a nuovi rapporti umani.”

autmoro2 autmoro3L’autismo non è mai uguale a se stesso, ma è multiforme e ci fa capire che ognuno a modo suo è speciale, unico,  perché il mondo ha bisogno di tutti i tipi di mente (Temple Grandin).

autismo san mauro1Il blu è per il mondo intero, il colore “dell’autismo”, e a noi cosa ricorda?

Ricorda il silenzio, la serenità, il cielo e il mare.

Blu, azzurro, celeste, cobalto, turchese, indaco,

quante sfumature tra le onde, quando il mare è scuro e agitato o quando è calmo e trasparente…

E così, dondolando sulle onde calme del mare, il 2 aprile tante barchette blu sono partite dalla scuola primaria San Mauro.autismo sanmauro3Nelle classi, gli alunni hanno realizzato decine di coccarde nelle varie gradazioni del blu per addobbare la scuola e decorare barchette che sono approdate sulle vetrine dei negozi cittadini.Le piccole imbarcazioni, contrassegnate ciascuna dalla coccarda della nostra classe, hanno occupato le vetrate dell’atrio perché tutti noi possiamo salire a bordo e sentirci al sicuro.

autismo sanmauro2

 

autismo sanmauro4

Ma le nostre coccarde sono diventate anche onde lunghe e spumeggianti, perché anche noi stessi possiamo essere mare calmo e vento leggero, per guidare ed accompagnare al largo le barchette o spingerle dolcemente verso la meta.

  Anche i ragazzi della scuola secondaria di I grado “Farè” sono stati coinvolti nella riflessione, infatti gruppi di 4/5 alunni delle classi prime e seconde si sono ritrovati in mensa per confrontarsi su questo tema, condividere esperienze e sensibilizzare adulti e bambini. Gli alunni hanno incontrato e “intervistato” alcuni ragazzi con disturbo dello spettro autistico e i loro compagni di classe. Ecco che cos’è successo.

Guidati dai docenti di sostegno, qualcuno inizia a fare qualche domanda, come “Cosa piace a M. e G.?”, “C’è qualcosa che li infastidisce?”, “Che giochi o attività fate insieme?”, “Quali sono le strategie che mettete in atto per stare insieme al meglio?”, dando così il via ad una conversazione serena e partecipe. Tutti hanno voglia di sapere, scoprire, capire un po’ più dell’altro. 

C’è chi racconta ciò che vede nel loro modo di essere, i loro pregi e le loro passioni. Lo stesso M. dice che ama tanto i videogiochi e i cartoni della Disney, passioni che accomunano tanti alunni presenti e che ci rendono sempre più consapevoli del fatto di essere tanti universi unici e meravigliosi, ma allo stesso tempo uguali. 

Qualcun altro racconta: “Un giorno G. mi ha invitato a casa sua e abbiamo giocato tutto il pomeriggio con il computer. A lei piace tanto. Poi mi ha fatto conoscere i suoi tanti animali, tra cui il suo serpente Hermes, che prende tranquillamente dalla teca e accarezza tenendolo tra le mani. Io però non ho voluto toccarlo, perché mi faceva paura. 

Non sono coraggiosa come G., che gli dà perfino da mangiare”. Gli altri compagni aggiungono: “G. è sempre molto affettuosa con tutti e anche quando c’è qualcosa che la infastidisce, come l’eccessivo rumore, non si arrabbia mai. Per esempio quando siamo in classe e c’è un po’ più di confusione rispetto al solito, lei richiama la nostra attenzione battendo le mani sul banco e dicendoci con la sua solita dolcezza: – Dai compagni, basta, siete i miei amici del cuore -. Allora noi capiamo, le chiediamo scusa e ci diamo una calmata più di quanto a volte facciamo con i prof.”.Perché essere un gruppo classe significa anche questo: avere cura di tutti i suoi componenti!

L’assemblea adesso è pronta per riflettere in piccolo gruppo e trovare vari modi per rappresentare graficamente ciò che è emerso dalla conversazione, utilizzando il materiale predisposto dai docenti di sostegno: cartelloni bianchi, cartoncini blu, pastelli, pennarelli, cere, tempere, pennelli.

M. e G. diventano i veri protagonisti dei vari cartelloni, pensati e creati dai ragazzi insieme a loro.
Vengono realizzati anche un cartellone con la scritta “Giornata mondiale della consapevolezza sull’autismo”, dipinta con le varie tonalità del blu, colore simbolo dell’autismo, e varie coccarde dello stesso colore.

I lavori sono stati quindi esposti sulle vetrate dell’atrio e della porta di ingresso della scuola a conclusione di una mattinata ricca di sorrisi ed emozioni.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 




Il nostro sito utilizza cookie per offrirti una navigazione migliore. Cliccando su Accetto acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi