Ultima modifica: 16 Agosto 2019

Erasmus+

Una grande novità riguarda il nostro Istituto: l’Agenzia Nazionale Erasmus + Indire ha approvato il progetto di mobilità presentato dalla nostra scuola, autorizzando l’AZIONE KA1 – MOBILITÀ DELLO STAFF DELLA SCUOLA.

Ma cos’è Erasmus plus? E’ un programma dell’Unione Europea che fornisce a giovani ed adulti opportunità di studio, di formazione, di esperienze lavorative o di volontariato all’estero.

Quali possibilità può offrire alle scuole? Le scuole possono elaborare dei progetti che prevedano la mobilità del personale: periodi all’estero per migliorare le proprie competenze e rinnovare la didattica, per conoscere altri sistemi educativi e formativi e per confrontarsi con colleghi europei.docenti al lavoro

Ogni candidatura viene attentamente vagliata dall’Agenzia Nazionale di Erasmus+, che assegna dei punteggi. Solo i progetti che ottengono i punteggi più alti ottengono i finanziamenti dell’UE e possono così prendere corpo.

Il progetto del nostro Istituto è stato valutato come ampiamente positivo, ottenendo un punteggio di 98/100, ed è così pronto per partire!

Ecco la lettera con cui il Dirigente scolastico, prof.ssa Poggiagliolmi, ha dato la notizia al Collegio dei docenti e ha ringraziato tutto il gruppo di lavoro.

In che cosa consiste il nostro progetto?

A partire da luglio 2019 e durante l’anno scolastico 2019/20, in momenti diversi, 11 insegnanti partiranno per varie località europee, dove frequenteranno dei corsi insieme a colleghi provenienti da tutta Europa.

parole legate all'educareI corsi scelti, suddivisi per aree di miglioramento, propongono delle attività e degli obiettivi che permetteranno ai docenti di migliorare le proprie competenze, sia linguistiche che metodologiche, in particolare:
– migliorare le competenze di insegnamento riferito alla metodologia CLIL 
– modernizzare l’insegnamento delle varie discipline e arricchire la “cassetta degli attrezzi” delle insegnanti
– acquisire strategie didattiche per ciò che concerne il critical thinking (pensiero critico), che permette a tutti gli alunni il raggiungimento degli obiettivi in base ai propri stili cognitivi.

Soprattutto le mobilità permetteranno ai partecipanti, e poi a cascata a tutto l’Istituto, di allargare i propri orizzonti, soddisfacendo appieno il bisogno di internazionalizzazione e di apertura all’Europa che la modernità ci impone.Bandiera dell'Unione Europea

Una volta tornati, infatti, compito dei partecipanti sarà mettere in atto quanto appreso, prima nelle proprie classi e poi via via in altre dell’Istituto, diventando formatori per i propri colleghi.

Una ventata d’Europa ci aspetta! 




Il nostro sito utilizza cookie per offrirti una navigazione migliore. Cliccando su Accetto acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi