Ultima modifica: 20 Luglio 2019
Istituto Comprensivo II “Rita Levi Montalcini” > Festa della scuola a suon di ritmo e riflessioni, con Mohamed Ba

Festa della scuola a suon di ritmo e riflessioni, con Mohamed Ba

Grande festa alla SMS “E. Faré” di Lissone, nella mattinata di sabato 1 giugno.

Si è conclusa al ritmo dei tamburi e delle riflessioni di Mohamed Ba, eclettico artista senegalese, l’anno scolastico 2018-2019.Mohamed Ba
Tutti gli alunni dell’istituto hanno infatti potuto seguire, con evidente entusiasmo, l’esibizione del musicista, che è anche attore, scrittore e soprattutto educatore e sensibilizzatore.

Il “Viaggio in Africa, attraverso la parola, il suono e la metafora” è stato il filo conduttore di uno spettacolo che ha portato i presenti all’incontro con una cultura come quella africana dalla grande valenza educativa e formativa, nel suo essere occasione di conoscenza e crescita individuale e collettiva.
Con maestria e capacità Mohamed Ba si è fatto portavoce di un messaggio molto significativo, basato sull’ascolto e la partecipazione attiva, finalizzato all’importanza dell’accogliere, dell’acquisire crescente consapevolezza delle proprie potenzialità, dell’apprendere e studiare per essere migliori e del gettare il cuore oltre l’ostacolo, se si vuole veramente progredire.

“Sono in Italia da vent’anni ed ormai mi sento un senegaliano. Sono diventato un ponte; un ponte unisce, accorcia le distanze”- ha sottolineato Ba- “aiuta a trovare dei punti universali di raccordo fraterno, permette di “discernere prima di decidere” e ci trasforma in persone complete”.

A suggellare l’evento la consegna dell’attestato Unicef Scuola Amica, da parte della presidentessa Unicef sezione di Monza e Brianza, dott.ssa MariaLuisa Sironi, quale riconoscimento per il sostegno didattico educativo mostrato. A ricevere il diploma la prof.ssa Paola Cogliati, referente per il progetto Unicef e l’organizzazione dell’incontro con Mohamed Ba.

Guarda la pagina facebook dell’Unicef in cui si parla dell’evento!

Ecco un piccolo “assaggio” del concerto, in cui alle riflessioni si sono alternati canti e musiche, coinvolgendo anche il pubblico. Come vedrete, ragazzi (ma anche professori!) sono stati invitati sul palco ad accompagnare l’artista.




Il nostro sito utilizza cookie per offrirti una navigazione migliore. Cliccando su Accetto acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi